venerdì 4 novembre 2011

Parola del mese: sacrificio


Oggi torniamo a parlare della situazione economica in cui ci troviamo.

I titoloni dei giornali e telegiornali fanno a gara per spaventarci, per convincerci che la situazione è estremamente allarmante.

In parte è vero: la crisi c’è. Ma non per questo dobbiamo spaventarci, anzi.

A volte penso che certi toni e certe affermazioni siano costruite ad arte.

E con questo mi riferisco al titolo del post: “Parola del mese: sacrificio”.

Un vecchio saggio diceva: “se le parole sono corrotte, anche il pensiero è danneggiato.”



Quindi, se si può cambiare il significato di una parola originale, è possibile modificare il modo in cui gli uomini pensano.

Come tutti gli strumenti questa cosa può essere usata per il bene o per il male.

Come ti sarai accorto, nel mondo della finanza raramente ti dicono le cose come stanno e ti indirizzano per il tuo bene.

Per fortuna noi “eletti dell’Indipendenza Finanziaria” abbiamo imparato a distinguerci dalla folla, a ragionare – nel nostro piccolo – controcorrente.

Recentemente, un nuovo termine è entrato nel campo della finanza personale: Sacrificio.

Originariamente sacrificio significava:
Dare qualcosa per guadagnare una posizione migliore.”

Per esempio, un pezzo degli scacchi può essere sacrificato per una posizione migliore che conduce a guadagno più tardi.

Tuttavia, ultimamente sacrificio è venuto a significare:
Dare qualcosa. Punto.”

Questo ha tagliato fuori il punto originale dell'equazione, e quindi l'uomo medio è ora chiamato a “sacrifici lacrime e sangue” (minori pensioni, più tasse, perdita del lavoro, ecc…) ma senza alcuna prospettiva di ottenere benefici in futuro.

Basta chiedere in giro: “tu come vedi il futuro”? E vedere chi si aspetta di arrivare a stare meglio e chi no.

E tu? tu come lo vedi il futuro? Quali risorse stai mettendo in campo per farvi fronte? Mi farebbe piacere sentire la tua opinione nei commenti qui sotto.


Dopo il video di qualche settimana fa, continuiamo con i video per “calciofili”:




Alla tua Indipendenza Finanziaria

Filippo





2 commenti:

  1. ciao Filippo, innanzitutto complimenti per questo sito: ti leggo e apprezzo molto i tuoi articoli. Personalmente vedo il futuro piuttosto grigio e temo un pò per i miei figli, per ora piccoli: in che situazione si troveranno a vivere? cosa possiamo fare noi genitori? Grazie. Roberta

    RispondiElimina
  2. ciao Roberta, grazie del tuo intervento. Il momento in effetti non è dei migliori, ciò che può fare un genitore è imparare come gestire al meglio i propri risparmi e come diventare finanziariamente indipendente e soprattutto insegnarlo ai propri figli: a breve pubblico un post (o articolo, se preferisci) proprio su questo. ciao!
    Filippo

    RispondiElimina

aaa