venerdì 8 luglio 2011

Le vacanze si avvicinano…


Non so quando andrai in vacanza, io non tanto presto… non prima di metà agosto, sigh!
(sempre troppe cose da fare... :-))))

In ogni caso ecco una buona notizia: finalmente anche in vacanza possiamo pretendere alcuni (spesso elementari) diritti.

Infatti pochi giorni fa, il 21 giugno scorso, è entrato in vigore il nuovo “Codice del Turismo”.

Le novità principali che sono state introdotte:

1) il riconoscimento del “danno morale da vacanza rovinata”,
2) un fondo ad hoc per fruire dei buoni vacanza,
3) nuove regole per proteggere dalle truffe (anche online),
4) un sistema di rating per le diverse strutture;
5) novità per le multiproprietà;
6) polizze assicurative;
7) call center.

Sulla carta sono tutte meritevoli, speriamo che non rimangano inapplicate.

Vediamone alcune:


1) Danno morale

Fino ad ora veniva risarcito solo il danno materiale, derivante da inadempimento o inesatta esecuzione delle prestazioni previste dal contratto di vendita del pacchetto turistico (es. ti avevano promesso un bellissimo hotel con piscina e ti ritrovi in una struttura orribile con una vasca in cortile…).

Con le nuove norme, invece, è previsto chiaramente anche il risarcimento per il danno morale provocato dalla vacanza rovinata: in casi come questi la prima cosa da fare è, già nel corso del viaggio, denunciare agli organizzatori, per iscritto, la situazione.

Successivamente sarà utile individuare eventuali testimoni che confermino i fatti, munirsi della documentazione che testimonia i danni e i fatti (anche qualche foto non guasta).

Appena rientrati conviene contattare il tour operator e la compagnia aerea (in caso di perdita di bagagli evidenziare il fatto subito all’aeroporto in cui non sono stati trovati i bagagli) ed inviare una raccomandata con cui si richiede il risarcimento dei danni subiti.

In mancanza di risposta e/o accordo non resta che iniziare una causa per tutelare i propri diritti (con i tempi, purtroppo, della giustizia italiana).


2) Buoni vacanza

Sapevi che esistono i buoni vacanza?

Sono dei buoni che vengono riconosciuti a famiglie a basso reddito per poter usufruire di un contributo statale pari al 45% del costo della vacanza.

Ebbene, questi buoni vengono istituzionalizzati: saranno finanziati con l’8 per mille destinato allo Stato.

Il Codice del turismo prevede anche l’istituzione del “Fondo buoni vacanze”, finanziato dai privati e dai risparmi di imprese e istituzioni.

Se vuoi saperne di più vai su http://buonivacanze.it


3) Vacanze online

Una delle novità più importanti per la tutela dei consumatori riguarda la vendita di pacchetti di vacanze online.

Su internet, soprattutto in passato, si sono verificati diversi inconvenienti (o meglio vere e proprie “fregature”) sia per la presenza di operatori non autorizzati sia per l’impossibilità di ottenere un risarcimento diretto.

Il nuovo codice del turismo equipara la vendita di pacchetti online alla vendita in agenzia, in questo modo ottenere un risarcimento sarà più facile: in caso di offerta non corrispondente alla realtà del servizio è il venditore a essere unico responsabile nei confronti dell’acquirente.


4) Rating

Con il nuovo codice i bed & breakfast, motel, campeggi, rifugi alpini e villaggi turistici saranno classificati con le stelle, le stesse che definiscono la qualità degli alberghi.

In più i clienti potranno dire la loro sulla struttura in cui sono stati in vacanza.

In questo modo si avranno molte più informazioni per scegliere la vacanza con maggior tranquillità.


5) Multiproprietà

Il nuovo Codice disciplina anche le multiproprietà, tutelando gli acquirenti e uniformando le norme italiane a quelle europee.

Le novità riguardano: maggiore trasparenza dei contratti, più tutela degli acquirenti, estensione della multiproprietà anche a beni diversi dagli immobili come chiatte, roulotte, navi da crociera ecc.


6) Polizze assicurative

Finora, il turista che doveva rientrare da Paesi extraeuropei forzatamente o a causa di fallimento del tour operator, poteva ricevere un risarcimento dal Fondo nazionale di garanzia.

Non esistevano forme di rimborso per viaggi rovinati a causa di emergenze, imprevisti e inadempienza dell’organizzatore.

Ora invece si stabilisce che, accanto al Fondo di garanzia, il turista potrà essere assistito da polizze assicurative che garantiscano rientro immediato dall’estero, in caso di emergenze imputabili o meno al comportamento dell’organizzatore o dell’intermediario, e che assicurino assistenza anche dal punto di vista economico.

In caso di fallimento dell’intermediario-organizzatore, si potrà arrivare anche al rimborso del prezzo versato per il pacchetto.


7) Call center

Nasce un nuovo call center, Easy Italia (tel. 039039039), attivo tutti i giorni dalle 9 alle 22, con operatori che rispondono anche in inglese, francese, spagnolo, tedesco, cinese e russo.

Inoltre, da 20 anni è attivo il Telefono Blu Consumatori (tel. 059/4730806) che raccoglie tutte le lamentele degli utenti e li segue nelle pratiche di risarcimento in caso di disservizi e inadempimenti.

Come vedi questo post non parla strettamente di indipendenza finanziaria (magari in un prossimo post parleremo di vacanze & denaro) ma ho voluto pubblicarlo per dare qualche info utile visto che le ferie sono alle porte ma soprattutto per dare maggiore consapevolezza (nelle vacanze così come nella finanza più informazioni si hanno e minore è la possibilità di prendere fregature).

Concludo con un video che fa capire molto della differenza tra uomo e donna... :-)))



Alla tua Indipendenza Finanziaria

Filippo





Nessun commento:

Posta un commento

aaa