venerdì 14 gennaio 2011

Propositi 2011


Ben trovato al ritorno dalle vacanze natalizie!

Scommetto che hai mangiato – come me, del resto – più del dovuto... ;-DDD

Avrei voluto cominciare questo anno sul blog riprendendo il discorso dell’economia di Robinson Crusoe da dove l’avevamo lasciato prima di Natale… poi mi hanno mandato un articolo che mi è piaciuto così tanto che ho pensato di condividerlo con te.

Si tratta dell’articolo di Daria Bignardi all’interno della rubrica che lei tiene sulla rivista Vanity Fair (il numero è quello di gennaio 2011).

Alcuni consigli potranno sembrarti banali ma io sono convinto che la vita di ciascuno di noi sia fatta di pochi grandi progetti e tante piccole cose quotidiane.

L’articolo ha come titolo: “Propositi 2011: sorridi, divertiti. E stai zitto. – Come godersi il nuovo anno, e non solo quello, pensando agli altri ma anche a noi stessi. Qualche consiglio per vivere (e convivere) meglio

Eccolo:

“Se hai un dubbio, se pensi che la cosa che stai per fare non sia giusta ma non sei sicuro che sia così, vuol dire che quella cosa non è giusta.
Quando una cosa va bene, non hai dubbi.

Il senso del dovere è utile, ma devi averlo anche nei confronti di te stesso.

Impara a dire no.
Per dire no devi pensare prima di rispondere, e chiederti se vuoi davvero fare quel che ti è stato chiesto.
Se non vuoi farlo, è meglio dirlo, gentilmente.
Se hai detto sì, allora fallo e non pensarci più.

Se un abito ti fa sentire ridicolo, non metterlo.
Se vuoi essere vestito bene, indossa solo cose che ti fanno sentire a tuo agio.

Se hai sempre sognato di fare una cosa, comincia a farla, anche se ti sembra che non venga bene o non sai come farla.

Concediti almeno mezz'ora ogni giorno per fare qualcosa che ti piace veramente.
Passa più tempo possibile coi bambini, perché poi crescono.

Vinci la pigrizia e vai a vedere quella mostra, ti piacerà.
E se non dovesse piacerti, avrai fatto un giro.
È bello conoscere i monumenti le chiese e i musei della tua città e poterli spiegare a chi viene a trovarti.

Se ne hai voglia, viaggia da solo. Se non ne hai voglia, non viaggiare da solo.

Piuttosto che mentire, stai zitto. Non tradire, non tradirti.

Leggi tutta la prima pagina di un libro in libreria, prima di comprarlo.
Ci sono tanti bei libri da leggere, ma i classici in genere danno più soddisfazione.

Se mangi pochissima carne e molta verdura ti senti meglio.
La pasta non ingrassa se non la condisci col burro o la carne e mangi solo quella.
È meglio non fumare.

Fai sempre l'elemosina a chi la chiede. È più bello dare che ricevere.

Telefona spesso ai tuoi parenti anziani, portagli dei regali, accompagnali dal dottore, al ristorante, al mare.

Cerca di avere almeno un amico molto più grande di te e uno molto più giovane dite.

Vai ai funerali, fai le condoglianze, ricorda quelli che se ne sono andati: a chi resta fa piacere e farà bene anche a te.
Visita il cimitero della tua città.

Fai amicizia coi vicini di casa.

Se una persona ti piace, diglielo, invece di litigare per farti notare.

Stai in silenzio più che puoi.

Impara a non avere l'ultima parola: è più utile tacere che rispondere.
Sorridi.

Ogni tanto comprati qualcosa che ti piace.
Se vuoi mettere in ordine e non sai da dove cominciare, comincia da un punto qualunque: la scrivania, uno scaffale, un cassetto... di solito quando cominci non smetti più.

Regala i vestiti che non metti da tre anni: tieni solo quelli che ti ricordano qualcosa di molto bello, ma in una scatola.

Non c’è niente di cui aver paura: le cose brutte si affrontano, le cose belle si godono. Con calma.

Se non sai come dire una cosa, chiediti se è giusto dirla. Se puoi anche non dirla, stai zitto, se invece è giusto che tu la dica, dilla assolutamente.

Guardare gli alberi, il cielo e gli animali fa stare meglio.

Vai piano.

Non prendere troppi impegni.
Cerca di fare quello che ti chiedono, non quello che pensi vogliano da te.

Fai testamento: capirai chi e cosa è veramente importante per te.

Le cose più importanti alla fine succedono per caso.

Nulla ha senso, ma bisogna fare come se ce l'avesse.

Divertiti.

Se non fai male a te stesso o agli altri, sii audace.
Non hai nulla da perdere.

Ascolta la musica e balla.”



Alla tua indipendenza finanziaria,

Filippo

2 commenti:

  1. Un bellissimo riepilogo di tutte le cose che dovremmo fare "mentre viviamo" ma che spesso ci dimentichiamo o non teniamo presente.
    Grazie Filippo!
    Credo sia estremamante importante ricordare ogni tanto queste "perle" preziosissime.
    Continua così!
    Emanuela

    RispondiElimina
  2. Grazie Emanuela per il commento e l'incoraggiamento! Sono daccordo con te su come sia utile di tanto in tanto ricordarsi delle piccole ma importanti cose che danno sapore e valore alla nostra vita.
    Buona settimana! Filippo

    RispondiElimina

aaa