venerdì 10 dicembre 2010

Il percorso vincente per riuscire


Qualcuno in passato ha (giustamente) osservato che parlo più spesso di motivazione che non di consigli concreti.

Tutto questo ha una ragione ed ora ti spiego qual è.

Per arrivare ai risultati che vogliamo, dobbiamo prima fare un percorso che si riassume in tre parole:

Essere – Fare - Avere

Gli obiettivi sono solo la terza fase di questo percorso: la parte "avere" di queste tre parole.

E non la seconda come tanti in realtà credono…

Vediamolo meglio.

Obiettivi potrebbero essere avere un bel corpo, una relazione amorosa piena e appagante, un sacco di soldi, una salute di ferro o magari la celebrità.

Quando le persone capiscono cosa vogliono avere, qual è il loro obiettivo, cominciano a elencare ciò che devono "fare".

Ecco perché tanti hanno l'elenco delle cose da fare. Fissano l'obiettivo e poi cominciano a "fare", "fare","fare".

Pensiamo per esempio all'obiettivo di avere un corpo slanciato: quello che fa la maggior parte delle persone che vogliono un corpo perfetto è mettersi a dieta e poi andare in palestra.

Ce la fanno per qualche settimana, poi tornano alla vecchia alimentazione a base di hamburger e patatine fritte e, invece di andare in palestra, stanno in poltrona per ore davanti alla televisione. Questo è un esempio di "fare" invece di "essere".
Non è la dieta che conta; è chi dovete essere per seguire la dieta, che è veramente importante.

Ogni anno, milioni di persone cercano la dieta perfetta da seguire per diventare magre.

Si focalizzano su ciò che devono fare piuttosto che su chi devono essere. Una dieta non serve a nulla se non cambiamo i nostri pensieri.

Lo stesso vale per gli sport: tanti comprano una nuova racchetta da tennis, ultra-leggera e super professionale, le scarpe adatte e una tuta alla moda nella speranza di migliorare il proprio gioco invece di cominciare dall'atteggiamento, dalla mentalità e dal credere di un giocatore professionista.

Un giocatore di tennis mediocre con una racchetta nuova rimane un giocatore di tennis mediocre.

Lo stesso si può dire dei nostri soldi: molti credono che comprare delle azioni o dei fondi comuni li renderà ricchi.

Ma il solo acquisto di azioni, fondi comuni, immobili o obbligazioni non vi farà diventare ricchi.

Fare soltanto ciò che fanno gli investitori professionisti non garantisce il successo finanziario.

Una persona dalla mentalità perdente perderà sempre, non importa quali azioni, obbligazioni, immobili o fondi comuni compri.

Quando si parla di soldi, molti cercano di "fare" quello che fanno i ricchi e di "avere" quello che i ricchi hanno.

Così comprano una casa che sembri quella di un ricco, un'auto che sembri quella di un ricco e iscrivono i propri figli nelle scuole dove i ricchi mandano i figli.

Così per "fare" devono lavorare di più e "avere" più debiti e quindi lavorare ancora di più... che non è ciò che fanno le persone veramente ricche.

Le persone pensano che lavorare duro per i soldi e poi comprare le cose che le faranno apparire ricche le renderanno ricche.

Nella maggior parte dei casi non è così. Le rendono solo più stanche.
Anche nei rapporti di coppia si applicano i medesimi principi: nel matrimonio, per esempio, molte persone cercano di cambiare l'altra persona per avere una convivenza migliore.

Invece di cercare di cambiare l'altra persona, cosa che genera sempre degli scontri, è meglio cambiare prima se stessi.

Non lavorare sull'altra persona; fallo sui tuoi pensieri rispetto a quell'altra persona.

Hai mai incontrato qualcuno che voleva "cambiare il mondo"?

Ti sei mai accorto che queste persone solitamente non arrivavano da nessuna parte?

E’ perché vogliono cambiare tutti gli altri, ma non cambiare se stessi.

Tutto questo per dirti che dobbiamo evitare l’errore in cui cade la maggioranza delle persone: molti cercano di "fare" ciò che pensano facciano i ricchi e cercano di "avere" ciò che hanno i ricchi.

Spesso comprano grandi case e investono nel mercato azionario perché pensano che sia ciò che fanno i ricchi.

Tuttavia se continui ad avere i pensieri, le credenze e le idee di una persona povera o di una persona di classe media, cercando al contempo di “fare” ciò che fanno i ricchi, finirai comunque per avere ciò che hanno i poveri e la classe media.

Ecco perché insisto sul nostro modo di pensare, sulla mente come lo strumento più importante che abbiamo, sulle convinzioni profonde in materia di soldi che possono aiutarci o frenarci nel nostro percorso verso la libertà.


"Ogni volta, quando un mio film ha successo, mi chiedo: come ho fatto a fregarli ancora?" Woody Allen




Alla tua indipendenza finanziaria,

Filippo

Nessun commento:

Posta un commento

aaa