venerdì 24 settembre 2010

L’importanza degli errori

uomo e pistola
Che strano titolo, eh?

A scuola si impara che gli errori sono negativi.

In famiglia (lo impariamo bene da piccoli!) ogni volta che sbagliamo a fare qualcosa veniamo rimproverati ed a volte persino puniti.

In realtà la natura umana è fatta in modo tale che impariamo soprattutto dagli errori.

Cadendo impariamo a camminare, è l’unico modo per riuscirci.

Lo stesso vale per esempio quando impariamo ad andare in bicicletta: posso vedere ancora i segni sulle mie ginocchia per tutte le cadute che ho fatto… ;-DD

Eppure ora so andare in bicicletta senza problemi, come fosse la cosa più naturale del mondo.

E’ dimostrato anche scientificamente, ci sono molti studi al riguardo.

Per esempio un gruppo di ricercatori dell'università di Exeter, in Gran Bretagna, ha dimostrato come quando stai per ripetere uno sbaglio già commesso in passato, il cervello si attiva immediatamente e ti invia un segnale di avvertimento, per impedirti di ricaderci di nuovo.

Questo meccanismo di auto protezione, hanno verificato i ricercatori, si attiva in un decimo di secondo.

Impariamo più facilmente da esperienze in cui il nostro giudizio ci ha tratto in inganno, rispetto a quelle in cui abbiamo avuto ragione: è proprio l'elemento della sorpresa nello scoprire che abbiamo sbagliato a indurre l'apprendimento.

Purtroppo la ragione principale per cui molti non sono finanziariamente indipendenti sta nel fatto che hanno una paura terribile di perdere soldi.

Le persone di successo non temono di perdere, i perdenti si.

Il fallimento è una parte essenziale del processo che porta al successo.
Chi evita di fallire e di sbagliare evita la vittoria.

Con questo non voglio dire che nell’intraprendere una qualunque iniziativa dobbiamo andare a caso, fare tanti errori e imparare da essi.

E’ un modo di procedere ma sicuramente non il più efficace.

Meglio cominciare una strada preparandosi bene ma preparandosi anche alla possibilità di fare errori, entrare in vicoli ciechi, correggere il tiro, fallire e rialzarsi.

Tutte le persone importanti hanno avuto fallimenti nella loro vita prima di raggiungere le vette.

Gli insuccessi ti dicono in sostanza che tu non sei ancora maturo, non sei ancora pronto, sei ancora a digiuno di determinate conoscenze e quindi ti invitano a rimboccarti le maniche e a colmare le tue lacune.

La realtà è che la sofferenza, le delusioni, le sconfitte, le frustrazioni fanno parte della vita e non risparmiano nessuno, perché se andasse tutto bene non ci sarebbe alcuno sprone a migliorare, a crescere, ad elevarci.

Ogni ostacolo, ogni muro di mattoni, è lì per un motivo preciso. Non è lì per escluderci da qualcosa, ma per offrirci la possibilità di dimostrare in che misura ci teniamo. I muri di mattoni sono lì per fermare le persone che non hanno abbastanza voglia di superarlo. Sono lì per fermare gli altri.”
Randy Pausch

Alla tua indipendenza finanziaria,

Filippo

PS: parlando di errori, dai una occhiata:

2 commenti:

  1. Complimenti vivissimi per l'articolo chiaro e preciso come sempre:purtroppo quando si tratta di soldi ogni errore costa caro... Vittore

    RispondiElimina
  2. Grazie Vittore,
    è vero che l'errore può costare caro ma a mio parere l'importante è imparare dagli errori!
    Solo così trasformiamo un evento che riteniamo negativo in un'arma in più verso il nostro successo!!

    RispondiElimina

aaa