mercoledì 19 maggio 2010

Win for life, la ricetta contro la crisi delle Borse?

esultanza per vincita
In questa settimana abbiamo sentito catastrofi sui mercati finanziari: "bruciati in un solo giorno 180 miliardi di euro"... in realtà non è stato bruciato proprio niente!

A breve ne parlerò con più calma

Oggi vorrei brevemente tornare a parlare di lotterie e gioco d'azzardo...

Pensa che dove abitavo prima
avevo sotto casa una sala scommesse: erano più le volte che sentivo gente imprecare per "l'ennesima sfortuna" di quelli che esultavano... ci sarà un perchè?

Vediamo ora di parlare del gioco del momento: “win for life”.

In media ogni italiano nel corso del 2009 ha speso più di mille euro per i giochi (che una volta erano definiti “giochi d’azzardo” ma ora non va più di moda… non sia mai che chi gioca abbia la percezione che stia commettendo un azzardo!) per un totale di quasi 55 miliardi di euro su una popolazione maggiorenne di circa 50 milioni di persone.

E' come se ognuno di noi - tu, io, il tuo vicino - avessimo speso 1092 euro!!!

La perdita media per ciascuno è di circa 337 euro annui, poco meno di un euro al giorno, il conteggio è però una media: c’è chi ha giocato poco e perso poco e c’è chi si presenta a tutte le giocate e… finisce per buttare via un sacco di soldi.

Ma qualcuno ci guadagna? C’è un vincitore assoluto che non perde mai, qualunque estrazione abbia luogo: il superfortunato è lo Stato che ha ricevuto da ogni cittadino 177 euro, quasi 50 centesimi al giorno per un totale di ben 8,8 miliardi di euro (se lo vuoi vedere in cifre sono 8.800.000,00 o se preferisci in lire sono 17.039.176.000).

L'aumento delle giocate è dovuto in parte all'ingresso nell’arena delle lotterie delle schedine di “Vinci per la vita - Win for Life!”.

Il nuovo gioco è stato introdotto nel settembre del 2009 e ha registrato un enorme successo grazie alla promessa di una rendita per vent'anni di 4.000 euro al mese.

Un impatto sociale notevole, come abbiamo accennato nel post di due settimane fa, perchè quando siamo in periodi di crisi e cresce la disoccupazione le persone cercano soluzioni alternative per mantenere sé stessi e i propri familiari: promettere una rendita in questo periodo è una grossa calamita.

Certo, in una Repubblica che si fonda sul lavoro, come è l’Italia, il messaggio “gioca per non lavorare più per tutta la vita” è quantomeno curioso…

La crescita delle giocate coincide con i casi di indebitamento e un maggior numero di giocatori cronici.

La dipendenza da gioco d’azzardo coinvolge poco più dell’1 per cento della popolazione in Italia (stiamo parlando quindi di centinaia di migliaia di persone!!).

Nonostante sia un dato che deve allarmare, lo Stato continua a favorire questo tipo di iniziative perchè vengono arricchite le casse pubbliche senza dover imporre tasse (cosa mai gradita in un Paese che ha già una imposizione media di circa il 43%) né dover tagliare le spese statali (scomodando in tal modo uno o più dei mille interessi corporativi o “campanili” e suscitando quindi proteste e manifestazioni).

Win for Life coinvolge una fetta molto larga della popolazione, quasi trenta milioni di giocatori, quindi uno su due... contando che io non gioco a win for life… e ora siamo in due, sarai mica tu a giocare? ;-)))

Ci sono dei vincitori ovviamente, ma non sono soldi che lo Stato dà per premiare i cittadini più meritevoli: vengono presi dalle tasche dei perdenti trattenendo una parte del denaro.

Tra l’altro parte di questo denaro doveva essere destinato per l’Abruzzo, ma non si è saputo più niente.

L’aver aumentato il numero di giocate giornaliere è stato poi determinante per il successo del gioco, scatta un meccanismo compulsivo: uno gioca gli stessi numeri in tutte le estrazioni perché teme che possano uscire nell’estrazione successiva.

Il vero vincitore alla fine è sempre lo Stato.

Quante sono le probabilità di vincere la rendita di Win for Life!?

La possibilità è una su quasi 3.700.000.

Questo è un dato bassissimo se si pensa che vince una sola persona in un gruppo di 3 milioni.

E’ una probabilità più alta di quella di vincere al Superenalotto, ma fino a oggi ci sono stati solo 160 vincitori.

Pensaci, se ti viene in mente di risolvere i tuoi problemi finanziari "tentando la fortuna".

Ti lascio con un pezzo di storia della TV italiana... anche se qui si parla di una "lotteria" un pò diversa... ;-))



Alla tua indipendenza finanziaria,

Filippo

Nessun commento:

Posta un commento

aaa